ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gestione illegale pompe funebri, arresti

Gestione illegale pompe funebri, arresti
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) - MESSINA, 20 DIC - Avrebbero continuato a gestire la società di pompe funebri nonostante ne fossero stati estromessi nel 2006 dall'autorità giudiziaria. E' l'accusa contestata ai fratelli Giuseppe e Rocco Stracuzzi, di 50 e 47 anni, arrestati dalla Dia di Messina con il supporto del Centro Operativo di Catania. Nei loro confronti è stata eseguita un'ordinanza del Gip di Messina su richiesta del procuratore Maurizio De Lucia per estorsione, minaccia a pubblico ufficiale ed elusione del provvedimento di amministrazione giudiziaria disposto a loro carico. Inoltre avrebbero costretto, anche con minacce, un loro dipendente a consegnare parte della retribuzione mensile e intimorito l'amministratore giudiziario, arrivando perfino a danneggiare i sistemi di videosorveglianza installati a tutela dei beni sequestrati. La Dia ha eseguito anche un sequestro per equivalente per le somme che, secondo l'accusa, sarebbero state indebitamente incassate sui conti personali.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.