ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La più bella giocata, un prete ai Giochi

Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Lo sport è uno di quei linguaggi universali che supera le differenze culturali, sociali, religiose, fisiche e riesce a unire le persone, rendendole partecipi dello stesso gioco, protagoniste insieme di vittorie e sconfitte. Perciò incoraggio a vivere la dimensione sportiva come palestra di virtù nella crescita integrale degli individui e delle comunità". Nessuno meglio di Papa Francesco riesce a trasmettere il senso de 'La più bella giocata, un prete ai Giochi racconta vita e raccoglie gioia', il libro di padre Gionatan De Marco, direttore dell'Ufficio per la pastorale per il turismo e lo sport della Cei e cappellano degli azzurri, che contiene una presentazione di Giovanni Malagò e la prefazione di mons. Michele Falabretti. Il volume contiene lettere da PyeongChang dove nel febbraio scorso si sono disputati i Giochi invernali. "Lo sport è una declinazione speciale della vita. Sa essere puro divertimento e sana competizione", scrive, nella presentazione, Malagò.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.