ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cortese, lotta crimine anche con cultura

Cortese, lotta crimine anche con cultura
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) - MORANO CALABRO (COSENZA), 11 DIC - "L'illegalità, il crimine, si combattono non solo con gli apparati repressivi, ma rappresenta soprattutto un fatto culturale. Occorre stimolare le nuove generazioni ad acquisire consapevolezza di cosa è bene e cosa non lo è e a non chinarsi dinanzi alla prepotenza e all'arroganza, promuovendo il rispetto e l'onestà. Perché il silenzio e l'indifferenza possono uccidere". Lo ha detto il questore di Palermo, Renato Cortese, intervenendo a Morano Calabro al convegno organizzato dal Comune guidato dal sindaco Nicolò De Bartolo per i 70 anni della Costituzione. "Dire no alla mafia - ha aggiunto Cortese - vuol dire studiare, essere culturalmente forti. E vuol dire non chiedere mai la raccomandazione. La sopraffazione, in alcune aree del Paese, condiziona pesantemente la libertà dei cittadini. L'unico modo per ribellarsi é quello di stare sempre e convintamente dalla parte dello Stato". A Cortese é stata consegnata una pergamena per le sue "quotidiane battaglie contro la criminalità".

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.