ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

L'eterna crisi dell'informazione: a Padova licenziamenti in tronco

L'eterna crisi dell'informazione: a Padova licenziamenti in tronco
@ Copyright :
Reuters
Dimensioni di testo Aa Aa

«È la stampa, bellezza! E tu non puoi farci niente! Niente!» chissà se Humphrey Bogart avrebbe mai immaginato che questa sua battuta - pronunciata a chiusura di un film del 1952 da un giornalista dalla schiena dritta - sarebbe stata poi usata come incipit di un articolo che parla della crisi di un giornale. Perché ormai la stampa è sinonimo di conti in rosso, chiusura, licenziamenti.

La celebre battuta del film

L'ultimo in ordine di tempo è il Messaggero di Sant'Antonio, il mensile retto dai frati di Padova che ha licenziato in tronco gli 8 giornalisti assunti, da un anno in contratto di solidarietà. Lasciati a casa a due settimane dal Natale e senza trattativa. I frati si sono così guadagnati il titolo di "peggiori padroni editoriali" (parole testuali della Fnsi, il sindacato unico dei giornalisti italiani).

C'è persino chi, in vacanza in questi giorni, apprende del proprio licenziamento... dalla stampa.

Sembra però che il giornale non chiuda e le pubblicazioni siano destinate a continuare (non si sa come e, soprattutto, con chi). Nel frattempo il Corriere del Veneto tira fuori una vecchia inchiesta sul "tesoretto" di Sant'Antonio...

Perché in questi ultimi anni ne abbiamo visti tanti di giornali dati per morti e poi ricomparsi, di fake news (la migliore degli ultimi tempi è sicuramente "Lele Mora direttore de L'Unità"), di passaggi di proprietà. Sono salvi per il momento Avvenire, Italia Oggi, Libero quotidiano, Manifesto e Il Foglio, tra i pochi che ancora godono delle sovvenzioni all'editoria. Il vicepremier Luigi Di Maio ha infatti assicurato che il taglio dei fondi (un cavallo di battaglia dei 5 Stelle) sarà graduale: 25% nel 2019, il 50% nel 2020, il 75% nel 2021. E infine il taglio totale nel 2022.

E tra i "miracolati" c'è pure Radio Radicale: il CdR aveva espresso "forte preoccupazione" in un comunicato, perché nella discussione della legge di bilancio era entrato un emendamento che, pur prorogando di un anno la convenzione per la ritrasmissione dei dibattiti parlamentari, ne dimezzava il finanziamento (da10 a 5 milioni). Ma poche ore dopo si è appreso di una marcia indietro della maggioranza, con il ripristino della cifra iniziale. Sempre che l'impianto attuale della manovra regga...

Assieme ai media, e ai giornali in particolare, stanno morendo pure le edicole, quelle rimaste in piedi sopravvivono grazie al mondo Lol (bamboline costosissime piene di plastica da scartare, di cui girano anche molti fake, non bastassero le fake news).

E se i cacciatori di fake news sono certamente preziosi per la democrazia e per la professione ma non necessariamente per gli affari, imprenditori commercianti e forse anche qualche edicolante, e perché no anche qualche politico, vedrebbero probabilmente con un occhio di riguardo dei novelli cacciatori di fake Lol, ché con quelle si campa, mica con l'informazione...