ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Gaza: così si vive nella Striscia

Lettura in corso:

Gaza: così si vive nella Striscia

Gaza: così si vive nella Striscia
@ Copyright :
REUTERS/Suhaib Salem
Dimensioni di testo Aa Aa

Una fragile calma regna a Gaza. Il cessate il fuoco resiste per il momento, quasi un mese dopo dal peggiore scontro tra Hamas e Israele dal 2014.

Nel frattempo quasi 2 milioni di residenti nella Striscia di Gaza tirano avanti come possono. Vivono nel blocco con il tasso di disoccupazione peggiore al mondo. Questo ragazzo, che non vuole mostrare il volto, ci racconta della sua battaglia quotidiana: "La condizione economica è davvero difficile. Non abbiamo nulla. Provate a chiedere a un giovane di 29-30 anni se ha un soldo in tasca, vi risponderà di no. Questo spiega perché ci sono tutte queste manifestazioni al confine. Questo ha scatenato le proteste. Vogliono la libertà, vogliono la fine del blocco, vogliono lavorare e avere una vita come gli altri, come negli altri Paesi arabi e no".

Il blocco imposto da Israele nei primi anni 90, si è intensificato dal 2007 da quando Hamas controlla la Striscia. L'economia a Gaza è strozzata al punto tale che non si riesce a pagare neanche gli stipendi pubblici, che vengono sistematicamente tagliati e pagati in ritardo. Persino gli stipendi dei medici.

Siamo andati nella farmacia del reparto di ortopedia di Al Shifa, il più grande ospedale di Gaza,. Ci hanno detto che l'ospedale ha solo il 30 percento dei medicinali che servirebbero per curare il cancro. Non ci sono antibiotici specifici, non ci sono medicine per i pazienti diabetici. Il sistema sanitario si sta sbriciolando e il numero elevato di feriti durante le proteste aggravano la situazione.

"Il 14 maggio - dice Habis el Wahidi, primario del pronto soccorso dell'ospedale Al Quds di Gaza - abbiamo avuto un flusso continuo di feriti. Gli Israeliani sparavano a chiunque e sono arrivati almeno 250-300 pazienti... Non potete immaginare... In questa aerea c'erano pazienti a terra".

Dal 2017 la situazione a Gaza è peggiorata. Adesso più della metà della popolazione vive in povertà. Percentuale che arriva al 77 percento tra i rifugiati. Più di un milione di persone vivono in campi come questo.

"La popolazione di Gaza è intrappolata tra il blocco imposto da Israele ed Egitto e le divisioni tra le fazioni palestinesi, con l'80 percento che dipende dagli aiuti umanitari", dice la nostra inviata Monica Pinna.

(voce e traduzione di Eloisa Covelli)