ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Tiro: minacce a Rossi per candidatura

Tiro: minacce a Rossi per candidatura
N.1 Fitav corre per presidenza ente mondiale. "Continuo"
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – ROMA, 22 NOV – Diventa un giallo la corsa alla
presidenza della federazione mondiale del tiro (Issf) che
sceglierà il suo nuovo n.1 il 30 novembre a Monaco di Baviera.
Uno dei tre candidati alla successione del multimilionario
messicano Olegario Vazquez Rana, che ha “regnato” per ben 38
anni, l’italiano Luciano Rossi, attuale vicepresidente della
stessa Issf e presidente della Fitav, e’ stato minacciato di
morte se non ritirerà la candidatura. Minacciata anche, di morte
o rapimento, la figlia Fiammetta, tiratrice che fa parte della
nazionale. Rossi ha ricevuto le minacce via email, e la polizia
postale, dove ha sporto denuncia la settimana scorsa, le ha
ritenute credibili. Il dirigente umbro però ha deciso di non
ritirare la candidatura. “Continuo la corsa” – ha detto -, anche
e’ stata ostacolata fin dall’inizio e anche se la mia famiglia
adesso e’ scossa”.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.
Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.