Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Scala: un po' Rossini in Attila verdiano

Scala: un po' Rossini in Attila verdiano
E ci sarà anche un'aria eseguita in teatro solo nel 1846
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – MILANO, 16 NOV – Conterrà anche un po’ di Rossini l’
‘Attila’ verdiano che inaugurerà la stagione della Scala, il 7
dicembre prossimo, con la direzione di Riccardo Chailly e la
regia di Davide Livermore. Lo ha rivelato questa sera lo stesso
Chailly, presentando l’opera insieme a Sandro Cappelletto,
direttore della Rivista di Studi Verdiani, con una conversazione
a due davanti al pubblico degli ‘Amici della Scala’. Si tratta delle ’5 battute per Attila’ che il Pesarese
scrisse come ‘omaggio’ a Verdi nel 1865, tre anni prima di
morire, che Cappelletto ha mostrato in una diapositiva tratta
dalla pagina originale con la scritta autografa “salvo la
approvazione di Verdi” e che in seguito Rossini regalò a
Giuseppina Strepponi, la celebre soprano che fu seconda moglie
di Verdi. Ma non è la sola novità: c‘è anche un’aria di 3 minuti
e mezzo (“Oh dolore! ed io vivea”) che Verdi scrisse per il
tenore scaligero Napoleone Moriani, interprete di Foresto nella
prima esecuzione alla Scala il 26 dicembre 1846.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.