Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.
ULTIM'ORA

Aspi e Mit, class action spedizionieri

Aspi e Mit, class action spedizionieri
Toti, viadotto nel 2020 o qualcuno dovrà spiegare perché non c'è
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – GENOVA, 13 NOV – Alla vigilia del terzo mese del
crollo di ponte Morandi, l’assemblea straordinaria di
Spediporto, l’associazione degli spedizionieri genovesi, ha
approvato all’unanimità il via libera alla class action contro
Autostrade e ministero dei Trasporti per i danni subiti in
seguito al crollo del ponte Morandi. In porto i traffici a
ottobre sono calati dell’8% rispetto allo stesso mese dell’anno
precedente. A tre mesi dal crollo con demolizione e
ricostruzione ancora fermi, il governatore Toti alza la voce:
“Quel ponte deve essere finito nel 2020 o qualcuno dirà a Genova
per quale ragione non è pronto. Quando tutto è cominciato – ricorda Toti – ho detto che il percorso che la Regione aveva
intrapreso avrebbe consentito di avere un ponte al massimo in 15
mesi. Il governo ha scelto un’altra via, la clessidra corre, c‘è
chi si assume la responsabilità delle proprie scelte ma noi
siamo qui a collaborare in ogni modo possibile”. Intanto Bucci
rivela che è già pronto l’elenco delle ditte che opereranno.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.