ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Morto infezione in ospedale, inchiesta

Morto infezione in ospedale, inchiesta
Era un medico, Procura di Vicenza disporrà l'autopsia
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – VICENZA, 12 NOV – La presenza del microbatterio
Chimera, che si annida nel macchinario che assicura la
circolazione extracorporea durante gli interventi di
cardiochirurgia, è ritenuta all’origine del decesso del dottor
Paolo Demo, 66 anni, morto lo scorso 2 novembre dopo un calvario
di sofferenze all’ospedale di Vicenza. Era stato lo stesso
medico, prima di morire, a indagare sull’origine dell’infezione
che lo stava uccidendo. Operato nel gennaio 2016, e rioperato a
dicembre 2017, Demo aveva lasciato al suo legale, Pier Carlo
Scarlassara, i documenti per approfondire l’accaduto. Ora tutto
è condensato in un esposto messo nelle mani della magistratura,
chiamata a verificare responsabilità della struttura sanitaria
vicentina, a cominciare da un’autopsia.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.