ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

California, spari in un locale: almeno 12 morti, tra cui l'assalitore

Lettura in corso:

California, spari in un locale: almeno 12 morti, tra cui l'assalitore

California, spari in un locale: almeno 12 morti, tra cui l'assalitore
@ Copyright :
REUTERS/Ringo Chiu
Dimensioni di testo Aa Aa

Sono almeno 12 le vittime della sparatoria avvenuta nella notte tra mercoledì e giovedì in un locale di Thousand Oaks, nella periferia di Los Angeles. Lo ha detto lo sceriffo della Contea di Ventura Geoff Dean, aggiungendo che ci sono anche una decina di feriti.

Un uomo ha lanciato dei fumogeni all'ingresso del Border Bar & Grill, il mercoledì sera frequentato soprattutto dagli studenti del college, e ha aperto il fuoco, sparando una trentina di colpi. Nel locale, secondo i media americani, erano presenti oltre 200 persone al momento della sparatoria.

Lo sceriffo della Contea di Ventura Geoff Dean

Lo sceriffo ha confermato che tra le vittime c'è anche il sospetto assalitore, un uomo di 29 anni di nome Ian Long. La sua identità è stata confermata a Nbc da diversi funzionari di polizia: l'uomo indossava cappello, giacca nera e occhiali.Nella sparatoria è stato ucciso anche un poliziotto di 29 anni, il vice-sceriffo Ron Helus, uno dei primi ad arrivare sul posto dopo le numerose chiamate arrivate al 911. Lo sceriffo ha detto che Helus è stato raggiunto da diversi colpi di arma da fuoco ed è morto dopo il suo arrivo in ospedale. Sposato e padre di un bambino, Helus sarebbe dovuto andare in pensione nel giro di un anno o poco più.

Durante la sparatoria alcune persone hanno cercato riparo sotto i tavoli, altre si sono asserragliate nei bagni del locale, altre ancora hanno raggiunto i tetti.

Il bar ospitava un evento settimanale organizzato dal college. Nel racconto di uno dei ragazzi sfuggiti al killer le fasi concitate dell'attacco: "Ho cominciato a sentire gli spari e sono finito a terra. Ho alzato lo sguardo e ho visto il poliziotto, non so se era morto, ma gli avevano sparato. E chi ha sparato lanciava fumogeni ovunque. Ci sono stati almeno altri dodici spari prima che io potessi uscire dalla porta d'ingresso".