ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Risse su appuntamento, 63 identificati

Risse su appuntamento, 63 identificati
E il questore lancia un appello per dissuadere dalla 'moda'
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – PIACENZA, 22 OTT – Sessantatré giovani identificati
solo sabato scorso dalla polizia e sei finiti in caserma dai
carabinieri. Sono i protagonisti della pericolosa “moda” tra
teenager che sta spopolando a Piacenza, quella delle risse su
appuntamento via social. Un fenomeno in aumento, tanto che il
questore della città emiliana Pietro Ostuni ha lanciato un
appello ai ragazzi: “Non inseguite i falsi miti della violenza,
state attenti perché rischiate grosso con la legge”. A preoccupare sono le violente risse tra adolescenti,
definite per ora e luogo sui social network, che per ben tre
sabati di fila si sono svolte in strada nel centro della città.
Episodi che coinvolgono decine di giovani e giovanissimi e sui
quali polizia e carabinieri hanno alzato l’attenzione. Le forze
dell’ordine hanno ricostruito la dinamica degli incontri: un
gruppo di circa dieci ragazzini organizza la rissa con decine di
spettatori attraverso un appuntamento sui social nel quale si
comunica la location prescelta e l’orario.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.