ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Raid in bar: Casamonica contro teste

Raid in bar: Casamonica contro teste
Proprietario: 'mi dissero qui comandiamo noi e mi picchiarono'
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – ROMA, 16 OTT – “Dì che ti ho aiutato”. Così ha
urlato dalla gabbia dei detenuti Antonio Casamonica alla teste
che aveva appena detto “di avere paura del clan”. Testimonianze
cariche di tensione e di paura nel processo a carico di Antonio
Casamonica, accusato di lesioni e violenza privata aggravate dal
metodo mafioso per il raid in un bar di Roma avvenuto il primo
aprile scorso. Il proprietario del “Roxy Bar”, la moglie e la
giovane disabile che venne presa a calci e pugni da due
appartenenti al clan Di Silvio, ieri sono stati condannati al
termine di un processo svolto con il rito abbreviato. “Avevo paura. I Di Silvio mi dissero ‘non ti scordare che
questa è zona nostra’, poi mi hanno preso a calci e pugni”, ha
raccontato Marian Roman. Una testimonianza la sua
caratterizzata dalla paura: nel corso dell’audizione il teste è
apparso tremante e in alcuni casi non ha avuto la forza di
rispondere alle domande che vertevano sul ruolo dei Casamonica e
sulla loro influenza nella zona della Romanina.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.