ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Clan nel porto, Ministero parte civile

Clan nel porto, Ministero parte civile
Costituiti anche Agenzia Entrate, Autorità Portuale, Antiracket
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – BARI, 13 OTT – Con la costituzione delle parti civili,
ADSPMAM (Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico
Meridionale), Ministero dell’Interno, Agenzia delle Entrate,
Cooperativa Ariete e Associazione Antiracket Puglia, è
cominciata l’udienza preliminare nei confronti di 37 persone,
presunte affiliate al clan Capriati di Bari e di un funzionario
dell’agenzia delle entrate. Sono tutti accusati a vario titolo
di associazione mafiosa, traffico e spaccio di droga, aggravati
dal metodo mafioso e dall’uso delle armi, porto e detenzione di
armi da guerra, estorsioni aggravate dal metodo mafioso e
continuate, furti, truffa e induzione indebita a dare o
promettere utilità. Stando alle indagini della Dda di Bari,
coordinate dal pm Isabella Ginefra, che nei mesi scorsi ha
chiesto il rinvio a giudizio degli imputati, il clan aveva
assunto di fatto il controllo del servizio di assistenza e
viabilità nel porto di Bari(più della metà dei 44 dipendenti
della coop che gestisce quei servizi sono risultati pregiudicati
o loro familiari).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.