ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Crollo ponte:Cantone, alcune perplessità

Crollo ponte:Cantone, alcune perplessità
Presidente Anac, lacuna nel testo, la mafia può infiltrarsi
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – ROMA, 10 OTT – “Con una disposizione che credo sia
senza precedenti (la deroga a tutte le norme dell’ordinamento
italiano, ad esclusione di quelle penali) si intende consentire
al Commissario di muoversi con assoluta libertà, imponendogli
solo i principi inderogabili dell’Ue ed ovviamente i principi
costituzionali”. Lo ha rilevato il presidente dell’Anac Raffaele
Cantone in audizione sul decreto Genova davanti alle commissioni
Trasporti e Ambiente della Camera. “Quella di cui ci occupiamo è
una delle più grandi commesse dell’ultimo periodo” e
“nell’obiettivo di garantire al Commissario regole certe, in
spirito di collaborazione, ritenendo prioritario l’obiettivo
della ricostruzione del Ponte, mi spetta il compito di sollevare
qualche dubbio e perplessità sull’impianto del decreto, ha
aggiunto Cantone, il quale ha fatto notare che nel decreto è
prevista “la deroga a tutte le norme extrapenali comporta anche
la deroga al Codice antimafia e alla relativa disciplina sulle
interdittive”, segnalando una “lacuna” del testo.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.