ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Vajont: sindaco Longarone, come Genova

Vajont: sindaco Longarone, come Genova
'Si arriva sempre a questo dopo aver pianto vite umane?'
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – LONGARONE (BELLUNO), 9 OTT – “Dobbiamo sempre
arrivare a questo dopo aver pianto la morte di vite umane
innocenti?”. E’ la domanda retorica posta oggi dal sindaco di
Longarone e presidente della Provincia di Belluno, Roberto
Padrin, nel suo intervento alla cerimonia di commemorazione
delle vittime del Vajont, catastrofe avvenuta il 9 ottobre di 55
anni fa. Un pensiero, quello di Padrin, al crollo del Ponte
Morandi a Genova e alla successiva richiesta agli enti locali di
monitorare lo stato dei ponti stradali, investendo risorse
straordinarie. “Due anni – ha ricordato Padrin – fa eravamo qui
a ricordare le vittime e la distruzione provocate dal drammatico
terremoto che aveva colpito il Centro Italia. Oggi quelle del
tragico crollo del ponte Morandi a Genova. Un altro esempio di
cattivo governo della cosa pubblica, dell’incapacità di
comprendere il pericolo, di controllo, di prevenzione, di
omissioni e mancato rispetto delle regole”. “Le dinamiche
gestionali – ha concluso – sono sempre le stesse, piene di
‘oscurità’”.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.