ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Def punta su crescita ma da 2020 Iva su

Def punta su crescita ma da 2020 Iva su
Stop 2019,poi taglio parziale.Debito cala ma non rispetta regola
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – ROMA, 5 OTT – L’Italia deve crescere “più
rapidamente del resto d’Europa”: un obiettivo che il ministro
dell’Economia Tria definisce “ambizioso ma realistico” al punto
che i paletti fissati dal governo nella nota di aggiornamento al
Def potrebbero addirittura, assicura, essere superati. E così le
stime del Pil del prossimo triennio sono confermate all’1,5% per
il 2019, l’1,6 per il 2020 e 1,4% nel 2021. Confermati anche
reddito di cittadinanza e riforma della Fornero per un totale di
21,5 miliardi di impegni il prossimo anno. Poche però le risorse
e l’Esecutivo riesce a sterilizzare solo in parte l’aumento
dell’Iva: non salirà nel 2019 mentre tornerà ad innalzarsi
parzialmente nel biennio successivo. Dopo la guerra di cifre
delle ultime ore, confermata la dote di “nove miliardi per
reddito e pensioni di cittadinanza e sette per la quota cento, a
cui vanno aggiunti un miliardo per i centri per impiego, due per
la flat tax, un miliardo per le forze dell’ordine e un miliardo
e messo per i truffati delle banche.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.