This content is not available in your region

Zuppi, voglio una Chiesa senza barriere

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Zuppi, voglio una Chiesa senza barriere
'Impariamo da Borgo Panigale. Bonomia e non buonismo'

(ANSA) – BOLOGNA, 4 OTT – “Vogliamo una chiesa senza barriere
fisiche ma soprattutto, e dipende da ognuno di noi, senza quelle
invisibili che sono la solitudine, il pregiudizio,
l’indifferenza. La paura suggerisce di alzare barriere, ma non
sono queste a darci sicurezza, perché alla fine ci isolano”.
Parole dell’arcivescovo di Bologna Matteo Zuppi, nell’omelia per
la festa di San Petronio. “Iniziamo oggi non a caso proprio in questa chiesa che
rappresenta la nostra città – ha detto, citando don Mario
Campidori, fondatore del ‘Villaggio senza barriere’, struttura
di accoglienza sull’Appennino – la scelta di abbattere le
barriere che sono muri per chi ha difficoltà! Quanti dobbiamo
buttarne giù! Se ne accorgono, e come!, chi li deve affrontare”.
Zuppi ha poi invitato i bolognesi a aiutare la città “rendendola
migliore con l’attenzione, la cura, disarmando con l’amore i
cuori aggressivi. Impariamo a custodirci, come è avvenuto a
Borgo Panigale con tanta efficacia e competenza, che richiede
sacrificio e preparazione”.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.