ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Portogallo, continua lo sciopero dei taxi contro Uber

Lettura in corso:

Portogallo, continua lo sciopero dei taxi contro Uber

Portogallo, continua lo sciopero dei taxi contro Uber
Dimensioni di testo Aa Aa

Sesto giorno consecutivo di sciopero dei tassisti portoghesi, che protestano contro la cosiddetta “Legge Uber”. I tassisti hanno deciso di restare parcheggiati nei principali corsi delle città, e di dormire dentro le auto. Al centro delle proteste la legge che regola il trasporto dei passeggeri su veicoli attraverso piattaforme elettroniche, come Uber.

"Dormo qui da mercoledì, dalla prima ora e dal primo giorno. Dormo nella mia macchina, che è qui", spiega un tassista.

"Secondo noi non è giusto che la nuova legge non imponga un regolamento sul numero di questi veicoli (Uber, Cabify e altri) né regole per i loro costi", aggiunge un collega.

"Resterò qui fino a quando il governo non prenderà una decisione".

Secondo gli organizzatori, 1600 tassisti hanno fermato le loro macchine a Lisbona, 400 a Porto e 300 a Faro. All'aeroporto di Porto molti aspettano invano, ignari dello sciopero. Vengono garantiti solo i servizi essenziali, come il trasporto di persone anziane e di adulti con bambini.

"Succede in molte città nel mondo, quindi, probabilmente non è niente di insolito", commenta un passeggero.

"Ah, sono disponibili i taxi di Uber? Allora prenderò un Uber", spiega un turista. "Sono costretto a farlo. Avrei preso un taxi".

Quest’anno anche i tassisti di Grecia, Belgio e Spagna hanno protestato contro Uber. "I tassisti portoghesi sono fermi nei centri delle città da sei giorni e promettono di continuare finchè il gverno non prenderà in considerazione le loro richieste", commenta Filipa Soares, giornalista di Euronews.