ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Aquarius torna a navigare: salvate 11 persone davanti alla Libia

Lettura in corso:

Aquarius torna a navigare: salvate 11 persone davanti alla Libia

Aquarius torna a navigare: salvate 11 persone davanti alla Libia
Dimensioni di testo Aa Aa

L'Aquarius, l'imbarcazione di Sos Mediterranee e Medicins sans Frontieres tornata da qualche giorno nel Mediterraneo centrale, ha soccorso 11 migranti che erano a bordo di una piccola imbarcazione al largo della Libia.

Secondo quanto reso noto dalla Ong, il barchino era in difficoltà e cominciava ad imbarcare acqua; nessuno dei migranti, inoltre, aveva il giubbotto di salvataggio.

Prima di procedere al recupero dei migranti l'equipaggio ha informato le autorità marittime libiche. Sono state anche informate le autorità italiane, maltesi e tunisine ma solo quelle italiane hanno risposto dicendo che avrebbero informato la Libia.

Il JRCC libico, il centro per il coordinamento dei soccorsi in SAR libica avrebbe chiesto alla Ong di sbarcare i migranti su un'imbarcazione delle auorità libiche. Il personale a bordo dell'Aquarius si è rifiutato chiarendo che poichè la Libia non si classifica come porto sicuro - è impossibile trasferire i migranti alle autorità libiche.

La nave Aquarius è tornata a incrociare nel Mediterraneo dopo un fermo di due settimane necessario per cambiare la registrazione della nave dopo che Gibilterra le aveva revocato l'iscrizione, ed è a oggi la sola imbarcazione di soccorso delle Ong ancora attiva in seguito alla chiusura dei porti italiani decisa dal ministro dell'Interno il leghista Salvini.

Non è chiaro il destino degli undici soccorsi in mare. Salvini ha già anticipato che non verranno accolti in Italia. Il rischio è che si riproduca la situazione registrata lo scorso giugno, quando 629 migranti, dopo essere rimasti a bordo dell'Aquarius per dieci giorni, sono stati fatti sbarcare in Spagna.