ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Donadoni, Mancini? "E' gioco delle parti

Lettura in corso:

Donadoni, Mancini? "E' gioco delle parti

Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) - ROMA, 4 SET - "Bisogna avere un po' di equilibrio in questi casi: quando ci si ritrova da una parte diventa facile fare certe considerazioni in virtù del fatto che dall'altra parte c'è qualcosa che non ti torna o non ti fa comodo. È un po' il gioco delle parti": così l'ex ct Roberto Donadoni sullo scarso utilizzo dei giocatori italiani in Serie A denunciato dal ct Mancini. "Bisogna sapersi calare in entrambe le situazioni - sottolinea Donadoni - Se si vuole far pensare di far crescere un movimento non bisogna pensare esclusivamente ai propri interessi. Se sono un allenatore di club devo pensare a far vincere la mia squadra e quindi faccio giocare quelli che ritengo mi diano più garanzie, che siano italiani o stranieri poco importa. Facendo questo è chiaro che la coperta è sempre corta e far crescere un movimento e dei giocatori diventa un po' complicato. Se si dà spazio ai giovani e poi questi sbagliano e si perdono le partite, arrivano le critiche".

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.