This content is not available in your region

'Mandragora in U21 non è una punizione'

Access to the comments Commenti
Di ANSA
'Mandragora in U21 non è una punizione'
Di Biagio 'giovani giocano poco, spesso scommetto su chi ha 0' '

(ANSA) – ROMA, 03 SET – “La convocazione di Mandragora in
Under 21 non è una punizione. Il ragazzo dovrà gestire in
maniera diversa quello che è accaduto, perché è il capitano e
non è il massimo d’esempio per quello che ha fatto. Ma non ha
fatto niente di male, perché le sue imprecazioni non erano
rivolte a nessuno in particolare. Ma l’Under 21 non è stata una
punizione, mi sono confrontato a lungo con Mancini su tutti i
ragazzi dell’under e abbiamo valutato di farlo venire in Under”.
Lo dice il tecnico della nazionale Under 21, Luigi Di Biagio,
giustificando la convocazione di Rolando Mandragora, capitano
degli Azzurrini, squalificato in Serie A per una giornata dal
giudice sportivo per essersi reso protagonista di reiterate
espressioni blasfeme colte dalle telecamere durante la partita
Udinese-Sampdoria. “Certo – ha aggiunto Di Biagio in conferenza stampa – non è
il massimo quello che ha fatto, ma se avessimo voluto punirlo lo
avremmo lasciato a casa”.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.