ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Odio online, 2017 di lotta per i big web

Lettura in corso:

Odio online, 2017 di lotta per i big web

Odio online, 2017 di lotta per i big web
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – ROMA, 23 DIC – Molestie online, minacce, offese, sisono dimostrate “tossiche” per il web nel 2017 almeno quanto lebufale in rete. Lo dimostrano gli sforzi che i colossi diinternet quest’anno hanno messo in campo anche per contrastarecyberbulli e troll. Schierando non solo intelligenzaartificiale, ma anche controllori in carne e ossa. Una strategia seguita da Facebook, che ha portato a 4.500persone il team di controllo delle segnalazioni. Di recente ilsocial da due miliardi di utenti ha anche deciso di rendere piùdifficile la vita a quei molestatori “seriali” che, anche sevengono bloccati dalle proprie vittime, aggirano sospensioni eoscuramenti creando nuovi account. Algoritmi avanzatiriconosceranno tentativi di questo tipo e li bloccheranno. Google per YouTube ha deciso di potenziare il team umanoimpegnato nella lotta contro il linguaggio d’odio, contenutiestremisti, commenti pedofili o filmati inappropriati perinvestitori pubblicitari. Entro il 2018 sarà composto da 10 milapersone.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.