ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Napoli, un tesoro archeologico svelato ai piedi del Vesuvio

Napoli, un tesoro archeologico svelato ai piedi del Vesuvio
Dimensioni di testo Aa Aa

A Somma Vesuviana, a pochi chilometri da Napoli, sta ermergendo un tesoro archeologico: l’imponente e maestosa villa romana dove potrebbe essere morto l’Imperatore Ottaviano Augusto.

Il sito è ai piedi del Monte Somma, il vero Vesuvio, affermano gli archeologi – quello che nel 79 d.C. coprì Pompei e non solo. Risale invece al 472 d.c, l’eruzione che coprì l’area e la villa. Fino ad oggi sono stati scavati 2000 mq ma il sito potrebbe coprire un ampiezza di almeno 10.000 mq.

Antonio De Simone, archeologo: “Giovanissimo, Augusto diventa il padrone del mondo: a 72 anni è stanco, lui del potere non ne vuole sapere più, ha lasciato Roma, con le angosce dell’esercizio del potere. Passa gli ultimi anni della sua vita in viaggio o in residenze che non siano Roma. Al ritorno da questo viaggio stanco e ammalato, lui preferisce Nola, pur avendo in zona ville molto più belle e più importanti”.

Gli scavi hanno riportato alla luce numerose statue, le più belle del periodo augusteo, pitture risalenti al III secolo d.C e dunque ad un’epoca posteriore all’eruzione del 79 d.C .
Il sito archeologico è in continua evoluzione e pur essendo un cantiere di scavo ha fatto registrare già la presenza di più di 70.000 visitatori.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.