ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Droni contro il bracconaggio in Messico

Droni contro il bracconaggio in Messico
Dimensioni di testo Aa Aa

Le autorità messicane impiegheranno droni sulle spiagge del sud-ovest del paese, a Oaxaca, per la protezione contro il flagello del bracconaggio delle uova di tartaruga.

Fra predatori e cacciatori solo lo 0.2% delle uova sopravvivono. Vengono in effetti divorate da centinaia di uccelli, cani, granchi oppure finiscono nel menu’ degli abitanti locali. Da 20 anni la vendita di uova o carne di tartaruga è stata bandita in Messico ma le forti pene non hanno dissuaso i bracconieri. Forse un controllo dal cielo potrebbe servire.

EDGARFERRUSQUILLA, ispettore dell’ambiente, Messico:
“Dall’alto è facile identificare i percorsi. Quando qualcuno cammina lascia una traccia. Quando in molti iniziano a camminare lungo le piste notiamo i percorsi. Quindi il drone ci aiuta a identificare questo tipo di accesso che da terra non possiamo vedere a causa delle colline e della vegetazione. La prospettiva cambia molto dall’aria”.

I pescatori di frodo vendono le uova di tartaruga al massimo per 80 centesimi di euro l’unità. Le popolazioni della costa hanno mangiato a lungo uova di tartaruga diventate care a causa dei divieti che puntano alla salvaguardia di una specie minacciata. Sulle spiagge messicane si trovano i maggiori santuari mondiali per la nidificazione delle testuggini.