ULTIM'ORA
This content is not available in your region

"Bolla" dei mercati cinesi, riflettori puntati sull'interventismo di Pechino

"Bolla" dei mercati cinesi, riflettori puntati sull'interventismo di Pechino
Dimensioni di testo Aa Aa

Troppo libero mercato o troppo poco? Il giorno dopo il lunedì nero dei mercati cinesi, gli esperti si interrogano sulle cause. E sotto la lente finisce anche la salva di misure sfoderate da Pechino per tamponare le perdite dopo i primi cali di metà giugno.

Limiti alle vendite allo scoperto, taglio dei tassi d’interesse, creazione di fondi di stabilizzazione e rimozione delle restrizioni per fondi pensione ed assicurazioni. Fino al divieto di vendere per i grandi azionisti e alla sospensione di molti titoli dagli scambi.

“Il mercato è morto! Il governo avrebbe dovuto dire che aveva un piano per salvarlo. Se ci sono problemi, bisogna dirlo. Non tirare fuori slogan come ‘Abbiamo la capacità, la fiducia e le condizioni’. È un inganno nei nostri confronti”, lamenta un investitore.

“A questi slogan avrebbero dovuto seguire in fretta misure dettagliate. Il mercato è crollato ieri, ma non ho visto alcuna notizia ufficiale sui media. Ripeto: è un inganno”, aggiunge.

Anche questo martedì i listini cinesi mostravano alti tassi di volatilità. Inutile la promessa di nuova liquidità da parte della banca centrale: per gli esperti
il problema sono le cosiddette operazioni di marginazione, ovvero, in parole povere, giocare in borsa con soldi presi a prestito.

“Purtroppo non credo che daranno un giro di vite a tale fenomeno”, spiega Enzio von Pfeil, analista di Private Capital Ltd. “Credo piuttosto che taglieranno ancora i tassi d’interesse e inietteranno nuovi soldi nel sistema”, aggiunge.

“Ma non faranno ciò che serve davvero per combattere questi momenti di terrore e cioè contenere proprio le operazioni di marginazione stesse. Così facendo non fanno altro che gettare le basi per il prossimo crollo della borsa”, ammonisce.

I timori degli analisti si concentrano ora sul potenziale effetto di contagio dell’esplosione continua di bolle azionarie sull’economia reale. La stragrande maggioranza degli investitori cinesi sono dei privati e le perdite potrebbero pesare su consumi ed investimenti.