ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Timori per la sorte di un altro ostaggio nelle mani del fondamentalisti

Lettura in corso:

Timori per la sorte di un altro ostaggio nelle mani del fondamentalisti

Timori per la sorte di un altro ostaggio nelle mani del fondamentalisti
Dimensioni di testo Aa Aa

La decapitazione del volontario britannico Alan Henning continua a suscitare reazioni, mentre cresce l’apprensione per un altro ostaggio statunitense nelle mani dei fondamentalisti islamici.

L’uccisione del taxista di 47 anni ha sconvolto la sua città – Salford, nel nord dell’Inghilterra – così come l’intera comunità internazionale.

L’uomo era stato rapito in Siria a dicembre mentre lavorava come volontario. A nulla sono valsi gli appelli per la sua liberazione.

“Era una persona fantastica – dice il cognato Colin Livesey -, che avrebbe fatto qualsiasi cosa per aiutare gli altri. Aveva un cuore d’oro”.

I fondamentalisti dell’autoproclamato stato islamico hanno mostrato un altro ostaggio, un cittadino americano convertitosi all’Islam, che affermano sarà la loro prossima vittima.

Ora sono i suoi genitori a lanciare un appello: “Nostro figlio è Abdul-Rahman, prima era conosciuto come Peter – spiega il padre, Ed Kassig -. È sparito il primo ottobre vicino a Raqqa, in Siria”.

“Stiamo male – dice la madre, Paula Kassig -, vogliamo che tu sia libero per poterti riabbracciare e poi lasciarti libero di vivere la vita che vuoi, una vita al servizio dei bisognosi. Supplichiamo chi ti sta tenendo in ostaggio di mostrare pietà e usare il proprio potere per lasciarti andare via”.