ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lampedusa ricorda la tragedia dei migranti morti nel 2013

Lettura in corso:

Lampedusa ricorda la tragedia dei migranti morti nel 2013

Lampedusa ricorda la tragedia dei migranti morti nel 2013
Dimensioni di testo Aa Aa

Le corone di fiori gettate sul luogo del naufragio, le contestazioni contro i rappresentanti delle istituzioni. Lampedusa ha ricordato così la più grave tragedia del mare che l’isola abbia mai vissuto: quella avvenuta il 3 ottobre dell’anno scorso, quando morirono quasi 370 migranti, in gran parte eritrei.

Alla commemorazione erano presenti alcuni dei superstiti, così come rappresentanti istituzionali. Il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz è stato tra i più contestati dai lampedusani in un anniversario segnato da diversi eventi, e diverse manifestazioni di protesta.

Il 2014 deve ancora terminare e già rischia di segnare un record per i migranti. Secondo stime dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, i morti nel Mediterraneo sono già più di tremila.

E negli ultimi giorni la marina italiana ne ha soccorsi alcune migliaia, in attesa di Frontex Plus, a gestione congiunta europea. Missione, però, considerata insufficiente e inadeguata dalle associazioni umanitarie.