ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Tutti i premi dell'Eurasia Film Festival

Lettura in corso:

Tutti i premi dell'Eurasia Film Festival

Tutti i premi dell'Eurasia Film Festival
Dimensioni di testo Aa Aa

Il Gran Premio del Festival Internazionale Cinematografico di Almaty in Kazakhstan è andato al film israeliano “Next to Her”. L’attore Assanali Ashimov, presidente della giuria, ha consegnato il riconoscimento al regista Asaf Korman di Tel Aviv.

Il film narra la storia di Rachele che si occupa della sorella Gabby portatrice di handicap mentale e che dovrà piazzare di giorno in un centro d’accoglienza. Rachele incontra un possibile amante ma la situazione che si crea fra queste tre persone diventa complicata.

Autrice del soggetto è la moglie del regista che si è basa su esperienze personali.

Il premio al miglior regista è andato all’islandese Benedikt Erlingsson per il suo film sui cavalli e gli uomini. In realtà la traduzione del titolo dall’islandese sarebbe “Il cavallo che è in noi” un soggetto scritto dello stesso regista che affronta il rapporto fra uomini e cavalli in Islanda.

Il premio alla migliore attrice è andato alla georgiana Tinatin Dalakishvili originaria di Tiblisi.

Nel film “Star” la giovane attrice che è anche modella interpreta una ragazza che si sottopone e grandi trattamenti di chirurgia palstica per iniziare una vita da vedette.

Ben 4 sono stati i riconoscimenti ex aequo che hanno decretato i migliori attori maschi cioè gli interpreti estoni del film « Tangerines ».

Il plot si svolge in un viallaggio caucasico dove sono finiti alcuni emigranti estoni. Siamo nel pieno del conflitto regionale dell’ Abkhazia del
1990. I 4 si ritrovano fra i gerogiani e i russi ma non capiscono il meccanismo di questa guerra.

Il film kazako « Adventure » ha ottenuto due premi al festival EURASIA di cui i piu’ importante è il FIPRESCI.

Il regista kazako Nariman narra nel plot l’incontro fra un uomo e una donna. L’uomo è testimone di un’aggressione perpretrata ai danni della donna e la salva, lei gli confessa la sua vita in attesa dell’uomo che ama. Anche se girato nella città di Almaty il film si presenta come un libero adattamento delle Notti bianche di Fedor Dostoevskij.

Il nostro inviato ha sottolineato i profilo internazinale del festival e i succesi raggiunti dalla cinematografia kazaka contemporanea con tutte le sue nuove produzioni.

Altro da cinema