ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Migliaia di curdi siriani fuggono in Turchia

Migliaia di curdi siriani fuggono in Turchia
Dimensioni di testo Aa Aa

Sono più di 60 mila i curdi siriani che hanno attraversato il confine con la Turchia nello spazio di 24 ore, tra venerdì e sabato. Fuggono dall’avanzata dei fondamentalisti dell’Isil, che hanno conquistato una ventina di villaggi nella zona di Kobani, città curda nel nord della Siria.
“Quelli dell’Isil sono arrivati e hanno iniziato subito con i soprusi – dice un rifugiato -. Con le nostre famiglie, i nostri bambini abbiamo dovuto lasciare le nostre case e tutto quello che avevamo: il lavoro e le nostre attività per sfuggire alle crudeltà”.
Le autorità turche sono state costrette ad aprire la frontiera su una linea lunga 30 chilometri perché era troppo difficile soccorrere i rifugiati in territorio siriano.
“Ci sono stati bombardamenti intorno a noi – dice una rifugiata -. I miliziani ci hanno attaccato, siamo dovuti fuggire di corsa e lasciare tutto”.
Gli Stati Uniti hanno lanciato attacchi aerei su depositi di materiale e centri di addestramento dell’Isil in Siria – e la Francia in Iraq -, ma non è ancora abbastanza per arrestare l’avanzata dei fondamentalisti, che non tollerano la presenza sul territorio delle minoranze non musulmane.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.