ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Iraq: kamikaze contro neopremier a Bagdad. Consiglieri Usa nel Paese

Iraq: kamikaze contro neopremier a Bagdad. Consiglieri Usa nel Paese
Dimensioni di testo Aa Aa

Dopo l’attentato suicida nei pressi della residenza del neopremier iracheno Haidar al Abadi la sicurezza a Bagdad è stata rinforzata.

L’attentatore ha fatto saltare la carica esplosiva, ma non è riuscito a penetrare nell’edificio la cui facciata è distrutta. La disperazione di chi vive lì vicino. Dice una donna: “Che abbiamo fatto di male. Hanno distrutto case e negozi. Che cosa hanno fatto questi innocenti?”

Appena martedì Al-Abadi era stato nominato premier dal presidente Massoum succedendo a Nouri al Maliki.

Al Malii non sembra disposto a gettare la spugna, ma l’Iran sembra averlo abbandonato. Questi cambi al vertice della politica si unice un intervento statunitense. Washington scarta un intervento di terra, ma i bombardamenti sulle roccaforti dei ribelli dell’Isis si susseguono. Nel Paese sono almeno 130 i consiglieri militari usa, nelle parole del ministro della difesa Chuck Hagel. Molti di loro sono arrivati ad Erbil enclave curda nel nord. Fra i loro compiti quello di evitare il massacro delle minoranze religiose che Isis sta passando per le armi. Lo ha detto lo stesso Hagel in un intervento a una base in California. Per ora il numero di militari americani ufficialmente presenti sul territorio iracheno è di almeno 1000 unità.

All’attivismo statunitense e al sostegno alle milizie curde peshmerga in funzione anti Isis, fa da contraltare l’immobilismo europeo che non va, per ora, oltre alcune dichiarazioni d’intenti sia comunitarie che dei vari stati nazionali.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.