ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Bce, tassi fermi. "Rischi geopolitici" per il braccio di ferro con Mosca

Bce, tassi fermi. "Rischi geopolitici" per il braccio di ferro con Mosca
Dimensioni di testo Aa Aa

Anche a Francoforte c‘è aria di vacanza e la decisione della Banca centrale europea di mantenere inalterati i tassi d’interesse suona un po’ come un “Buone vacanze a tutti”.

Eppure, al di là delle apparenze, sono prudenza e incertezza a regnare. Ci vorrà tempo perché le misure di stimolo annunciate a giugno, tra cui tassi di deposito negativi, diano i loro frutti.

Così come sarà difficile, secondo il governatore Mario Draghi, valutare l’impatto della crisi tra Russia e Ucraina sull’economia dell’Eurozona.

“Gli accresciuti rischi geopolitici – ha detto Draghi – insieme con le turbolenze nelle economie dei mercati emergenti e nei mercati finanziari globali, potrebbero potenzialmente influenzare in modo negativo le condizioni economiche, per esempio con effetti sui prezzi dell’energia e sulla domanda globale di prodotti dell’Eurozona”.

Riconfermato l’impegno a ricorrere a strumenti di tipo non convenzionale, come l’acquisto di titoli garantiti da prestiti bancari (i cosiddetti ABS, o “Asset-backed Securities) o di bond governativi (il famoso “Quantitative Easing”), in caso le previsioni sull’inflazione peggiorino.

Ma la Bce attribuisce quel minimo storico dello 0,4% di luglio ad un calo temporaneo dei prezzi energetici e alimentari, insistendo su un ritorno verso il target del 2% tra il 2015 ed il 2016.

A sostenere i prezzi ci penseranno le misure già annunciate, dicono, tra cui il programma di prestiti alle banche mirati ad agevolare il credito all’economia reale (TLTRO), che partirà a settembre.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.