ULTIM'ORA

Juncker: basta polemiche, sarà di sinistra il nuovo commissario agli affari economici

Juncker: basta polemiche, sarà di sinistra il nuovo commissario agli affari economici
Euronews logo
Dimensioni di testo Aa Aa

Jean-Claude Juncker, presidente designato alla Commissione europea, tende la mano ai deputati socialisti del Parlamento europeo, per mettere fine alle polemiche dei giorni scorsi ed annuncia: sarà di sinistra il prossimo commissario europeo agli affari economici. Non solo. Promette di riformare la troika, che ha guidato le politiche di austerità.

“Credo che bisogna riflettere su come dare maggiore legittimità democratica alla troika”- ha dichiarato Jean- Claude Juncker ai microfoni di Euronews.

Per il presidente del gruppo socialista al Parlamento europeo, il conservatore Juncker è rimasto troppo evasivo sul’immigrazione, ma la sua politica economica apre margini di dialogo tra centro-destra e centro-sinistra.

“La designazione di un commissario socialista agli affari economici è una buona notizia, ma serve anche l’impegno ad assicurare il miglior uso della flessibilità già prevista nel patto di stabilità” – ha sottolineato Gianni Pittella.

Dopo aver tentato di saldare l’alleanza con i socialisti, Juncker è stato ascoltato dagli euroscettici dell’ECR, gruppo guidato dai conservatori britannici del premier Cameron che al vertice europeo ha votato contro la sua nomina.
Ma è possibile ricucire lo strappo, assicura il leader del gruppo Syed Kamall:

“Se Juncker è confermato, lavoreremo con lui se porterà avanti delle riforme- dice Kamall- Sulle questioni che riguardano il mercato unico, l’agenda digitale, la flessibilità nel lavoro, e la liberalizzazione del commercio, lavoreremo con chiunque guiderà la nuova commissione europea”

Juncker incontrerà questa settimana tutti i gruppi politici, prima di sottoporsi al voto di tutto il Parlamento europeo il 15 luglio, che dovrà eleggerlo ufficialmente presidente della Commissione.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.