ULTIM'ORA

Ashraf Ghani Ahmadzai: una vita fra economia e diplomazia

Ashraf Ghani Ahmadzai: una vita fra economia e diplomazia
Dimensioni di testo Aa Aa

Il successore di Hamid Karzai sembra essere lui: l’economista Ashraf Ghani Ahmadzai. L’ex ministro delle Finanze afghano (incarico che ha ricoperto tra il 2002 e il 2004) si sarebbe imposto nel ballottaggio per le elezioni presidenziali su Abdullah Abdullah, ex ministro degli Esteri.

Di etnia Pashtun, la più numerosa del Paese, è nato nel 1949 da una famiglia benestante. Ghani, durante l’occupazione sovietica del Paese negli anni Ottanta, ha studiato all’estero: prima in Libano, poi negli Stati Uniti dove ha conseguito un dottorato di ricerca in antropologia culturale presso la Columbia University. Nel 1991 ha fatto il suo ingresso nella Banca Mondiale, dove per undici anni ha lavorato a progetti internazionali dedicati allo sviluppo.

Considerato un tecnocrate e un accademico, Ghani ha ricoperto il ruolo di consigliere speciale dell’inviato dell’Onu in Afghanistan Lakhdar Brahimi dopo la caduta dei talebani.

All’estero le sue credenziali diplomatiche sono impeccabili: alla fine del 2006 il suo nome risultava tra i papabili per la successione di Kofi Annan alla Segreteria generale delle Nazioni Unite.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.