ULTIM'ORA

Un "punto di svolta" la riconquista di Sloviansk secondo Poroshenko

Un "punto di svolta" la riconquista di Sloviansk secondo Poroshenko
Dimensioni di testo Aa Aa

A Sloviansk torna a sventolare la bandiera ucraina, ma i ribelli promettono di riorganizzarsi altrove e continuare a combattere.

La riconquista della roccaforte dei filorussi – che ne detenevano il controllo da inizio aprile – rappresenta il principale successo di Kiev dopo l’abbandono del cessate il fuoco lunedì scorso, durato pochi giorni e mai completamente rispettato dalle parti.

“Non è una vittoria completa, è presto per i festeggiamenti – ha detto il presidente ucraino Petro Poroshenko -. Ma la liberazione di Sloviansk da una banda di mostri armati in modo pesante ha una grande importanza simbolica. È l’inizio di una svolta nella lotta contro i ribelli per l’integrità territoriale dell’Ucraina”.

La perdita di Sloviansk ha messo in fuga i miliziani spingendoli verso altre città, in particolare Donetsk.

Per ora è difficile stabilire se si tratti di una vera vittoria di Kiev o di un semplice spostamento di forze. I ribelli parlano infatti di ritirata tattica.

Resta anche da capire quale strategia adotterà la Russia, scartata ormai l’ipotesi di un intervento militare. Molti ribelli si sentono traditi dal presidente Putin.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.