ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Quattro anni fa il blitz israeliano contro la Mavi Marmara

Quattro anni fa il blitz israeliano contro la Mavi Marmara
Dimensioni di testo Aa Aa

A quattro anni di distanza, il blitz israeliano contro la Mavi Marmara continua a provocare dissapori tra lo Stato ebraico e la Turchia.

Il 31 maggio del 2010 la marina militare israeliana prese d’assalto in acque internazionali la nave diretta a Gaza con la Freedom Flottilla, decisa a rompere il blocco imposto sulla Striscia.

Nove cittadini turchi rimasero uccisi. Un uomo morto la scorsa settimana dopo anni di coma è la decima vittima.

La vicenda portò a una temporanea rottura delle relazioni tra Turchia e Israele, che nei giorni scorsi ha definito politica la decisione dei giudici di Istanbul di ordinare l’arresto di quattro ex generali israeliani.

“Dal punto di vista di Israele – dice l’ambasciatore turco in Israele all’epoca Oğuz Çelikkol – , la decisione della corte è un problema. Ma dovremmo rispettare tale decisione. Credo che queste due procedure – il caso legale e la normalizzazione – debbano essere separate”.

“Da un lato ci sono politici che cercano un terreno comune, ci sono attivisti che vogliono giustizia per chi è stato ucciso – dice il corrispondente di euronews Bora Bayraktar -. In questo quarto anniversario la Mavi Marmara rappresenta un grande ostacolo alla normalizzazione dei rapporti tra Turchia e Israele”.