ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Ucraina al voto, nell'Est nuovi morti negli scontri

Ucraina al voto, nell'Est nuovi morti negli scontri
Dimensioni di testo Aa Aa

L’Ucraina va al voto per scegliere il nuovo presidente: a Kiev tutto è pronto per accogliere gli elettori, il favorito d’obbligo per guidare l’Ucraina del post-Maidan è Petro Poroshenko, il re del cioccolato. Filo-occidentale ma molto pragmatico, dicono, vorrebbe avvicinarsi all’Europa ma anche ricucire con la Russia. La Russia però ha occupato la Crimea, e anche nelle regioni orientali non è facile capire quanti possano davvero votare:

“Gli abitanti della Crimea e delle regioni orientali che per qualunque ragione non siano in grado di votare, e quali siano le ragioni lo sappiamo tutti, hanno la possibilità di rivolgersi alle autorità elettorali per modificare il seggio e votare in un qualunque altro luogo, a loro scelta”, precisa il direttore della commissione elettorale di Kiev. È una legge ad hoc, varata dal governo facente funzioni.

Perché mentre a Kiev si ponevano sui tavoli le urne trasparenti, a Donetsk le si distruggevano.

“Non abbiamo bisogno di queste elezioni, noi abbiamo la nostra repubblica. Non siamo pronti per le elezioni, e quello che sta facendo Kiev non conta per noi”, dice una secessionista.

I due terzi dei seggi nelle regioni di Donetsk e Lugansk sono sotto controllo dei secessionisti. Ieri si sono registrati almeno nove morti in scontri con i paramilitari filo-Kiev, il cui leader, un candidato minore alle presidenziali, ha poi rivendicato l’uccisione di un leader secessionista locale.