ULTIM'ORA
This content is not available in your region

AstraZeneca, governo svedese contro l'offerta di Pfizer

AstraZeneca, governo svedese contro l'offerta di Pfizer
Dimensioni di testo Aa Aa

“A queste condizioni non ci stiamo”: anche Stoccolma, dopo i dubbi emersi a Londra, si schiera contro la proposta di acquisizione di AstraZeneca da parte di Pfizer.

Il gruppo farmaceutico, nato 15 anni fa da una fusione anglo-svedese, ha già respinto al mittente numerose offerte, ma le voci di corridoio danno gli americani in procinto di tornare alla carica e stavolta i vertici di AstraZeneca potrebbero cedere.

Per questo motivo numerosi ministri svedesi hanno chiesto agli azionisti di dire no a quella che considerano una “scalata semi-ostile”.

Il governo è preoccupato per l’eventuale impatto occupazionale: Pfizer ha promesso di mantenere il 20% del personale di ricerca dell’eventuale risultato della fusione in Gran Bretagna.

Il che, visti i numeri assoluti, può significare solo un taglio tra gli oltre 5.000 dipendenti di AstraZeneca in Svezia.