ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Parata della Vittoria: Putin a Sebastopoli per la prima volta dall'annessione della Crimea

Parata della Vittoria: Putin a Sebastopoli per la prima volta dall'annessione della Crimea
Dimensioni di testo Aa Aa

Senza fare alcun accenno diretto all’Ucraina, Vladimir Putin è intervenuto alla Parata per la Vittoria a Mosca. Alla commemorazione del sessantanovesimo anniversario del trionfo dell’allora Unione Sovietica sul nazismo durante la Seconda Guerra Mondiale, sulla piazza Rossa il Presidente russo si è mostrato pacato:

“Questo è il giorno del trionfo nazionale, dell’orgoglio del popolo, della tristezza e dell’eterno ricordo – ha detto Putin -. Questa è la festa in cui celebriamo l’incredibile forza del patriottismo, quando tutti noi sentiamo nel profondo cosa significhi essere fedeli alla patria, e quanto importante sia difendere i suoi interessi”.

La parata è durata più a lungo rispetto agli anni scorsi. Più imponente anche la presenza militare.

“È stato il nostro Paese a dare la caccia ai nazisti fino a stanarli e che ne ha assicurato la sconfitta totale e definitiva – ha agiunto il Presidente -. Abbiamo vinto e pagato con milioni di vittime e terribili sventure. Proteggeremo per sempre questa sacra verità e non permetteremo a nessuno di dimenticare o tradire gli eroi”.

Ieri Putin aveva chiesto ai filorussi di Donetsk di posticipare il referendum sull’indipendenza dall’Ucraina. Una mossa che ha scuscitato scetticismo a Kiev, ritenuta dagli analisti un tentativo di mostrare una presa di distanza anche per evitare ulteriori sanzioni occidentali.

Un test potrebbe rivelarsi la Parata della Vittoria in Crimea. Putin alla fine ha scelto di recarsi a Sebastopoli, per la prima volta dall’annessione alla Russia.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.