ULTIM'ORA

Tragedia di Odessa, botta e risposta tra Mosca e Kiev

Tragedia di Odessa, botta e risposta tra Mosca e Kiev
Dimensioni di testo Aa Aa

Mosca e Kiev si rimpallano le responsabilità per la tragedia di Odessa. Le violenze di questo venerdì, hanno raggiunto l’intesità della guerra civile tra separatisti filorussi e militanti fedeli al governo ucraino. Si contano oltre 40 morti, più di un centinaio i feriti e gli arrestati.

A 500 km da Odessa, nell’est del Paese, continua l’offensiva, definita “antiterroristica”, dell’esercito ucraino per riprendere il controllo, delle città di Slaviansk e Krematorsk.

I toni si sono alzati per trasformarsi in un botta e risposta serrato tra Mosca e Kiev, che accusa la Russia di influenzare ancora la politica nazionale:

Kateryna Kosareva, portavoce servizio di sicurezza ucraino:

“Le provocazioni che si sono verificate il due maggio ad Odessa, e che hanno causato scontri e vittime sono state causate dall’esterno e sono state finanziate da ex membri del governo di Viktor Yanukovich”.

Dmitry Peskov, portavoce presidente russo Vladimir Putin: “Ad Odessa nazionalisti e radicali con l’autorizzazione delle autorità hanno bruciato vive persone indifese. Le autorità di Kiev sono responsabili e complici di questi crimini”.

Il rogo alla Casa dei sindacati di Odessa ha segnato un nuovo tragico record di violenza, dagli scontri di piazza Maidan il 21 febbraio scorso.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.