ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Ucraina, sparatoria nell'est del Paese minaccia di aggravare la crisi

Ucraina, sparatoria nell'est del Paese minaccia di aggravare la crisi
Dimensioni di testo Aa Aa

Una sparatoria a un posto di blocco dei separatisti filo-russi nell’Ucraina orientale fa traballare il già fragile accordo di Ginevra siglato la settimana scorsa da Kiev, Mosca, Washington e Bruxelles.

L’episodio, avvenuto nella notte alle porte di Sloviansk, ha fatto almeno tre vittime. I filorussi accusano i nazionalisti ucraini, mentre Kiev parla di una provocazione ordita da Mosca.

“Delle persone sono saltate giù dalle auto e hanno aperto il fuoco – afferma un attivista filo-russo – i nostri hanno cominciato a correre in varie direzioni, quando qualcuno ha gridato di abbassarsi. Un cecchino stava sparando a quelli che cercavano di raggiungere il villaggio”.

Sloviansk, che si trova a 150 chilometri dal confine russo, è sotto il controllo delle milizie che si presentano come gruppi di autodifesa e che non mostrano alcuna intenzione di deporre le armi, come richiederebbe l’accordo di Ginevra.

Il responsabile locale appoggiato dalle milizie filorusse, Viatcheslav Ponomarev, afferma che, fino a oggi, si erano visti soltanto scontri circoscritti che avevano provocato perdite minime. “A partire da adesso – aggiunge – nessuno può aspettarsi alcuna pietà da parte nostra”.

Il timore è che la sparatoria neutralizzi il tentativo di distensione avviato dal governo di Kiev, che sabato aveva annunciato la sospensione delle operazioni militari nel sud-est del Paese, per favorire una soluzione negoziata della crisi.