ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Barriere coralline, una stampante in 3D per salvarle

Barriere coralline, una stampante in 3D per salvarle
Dimensioni di testo Aa Aa

Un ingegnere italiano Enrico Dini è il creatore di D-Shape, una stampante in 3D unica al mondo. Dopo un’infanzia trascorsa in una località marina e una lunga carriera nella robotica, Enrico Dini si è servito delle sue competenze per creare una stampante in grado di riprodurre su vasta scala fondali marini e barriere coralline.

“Con la D-Shape si ricreano delle barriere artificiali grazie a tecniche particolari, e attraverso il ricorso a una specifica geometria, molto complessa. Impossibile da realizzare senza questa tecnologia. Parliamo di tecniche pensate per migliorare- in modo sostenibile- il ripopolamento di pesci nelle barriere coralline e prevenirle dall’erosione delle coste.

Strato dopo strato la D-Shape mescola la sabbia con un collante naturale al ritmo di cinque millimetri ogni tre minuti. Il risultato è una struttura molto complessa simile alla pietra, impossibile da riprodurre a mano.

“L’idea è di estrarre dal fondale la sabbia e il collante nello stesso posto dove andremo poi a riposizionare i nostri oggetti” spiega Enrico Dini.

Le riproduzioni create grazie alla D-Shape offrono un aiuto fondamentale nella lotta contro l’erosione delle coste. Il lavoro di Enrico Dini e del suo team è stato adottato per la sperimentazione in alcune università in Medio Oriente e Regno Unito.

“La stampa in 3D non si preoccupa della complessità” ammette David Rejeski, direttore del Wilson Center’s Science and Technology Innovation Program:“E’ quindi facile fare cose che sarebbero impossibili altrimenti. E’ uno strumento innovativo!”.

Se la tecnologia sviluppata da Dini appare utile alla difesa delle barriere coralline, per alcuni scienziati è importante anche lavorare al ripopolamento dei coralli naturali, fondamentali per la sopravvivenza di alcune specie di pesci

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.