ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Ungheresi al voto con la nuova legge elettorale

Ungheresi al voto con la nuova legge elettorale
Dimensioni di testo Aa Aa

Il prossimo 6 aprile, gli ungheresi votano per rinnovare il parlamento.
Che sarà eletto in base alla nuova Costituzione, entrata in vigore l’anno scorso.

Favorito secondo i sondaggi resta il partito populista Fidesz, dell’attuale premier Viktor Orban, accreditato di oltre il 40% dei consensi.

È Fidesz l’artefice della nuova legge elettorale che favorisce la lista unica e un candidato
solo in ogni circoscrizione.

A fare da contrappeso al partito del premier, socialisti, centristi, liberali, e parte dei verdi che hanno annunciato un’alleanza elettorale di larghe intese: hanno formato una coalizione elettorale e hanno designato un solo candidato in ogni circoscrizione uninominale, dove probabilmente si deciderà la partita elettorale ad aprile.

Capolista e candidato premier, sfidante di Orban, sarà il leader socialista Attila Mesterhazy (39 anni), con lui anche due ex premier di sinistra, Gordon Bajnai e Ferenc Gyurcsany.

Finora le forze di sinistra volevano correre con liste separate. La nuova legge elettorale voluta dal partito di governo Fidesz favorisce tuttavia la lista unica e un candidato solo contro quello di Fidesz in ogni circoscrizione.

La coalizione è data al 30% circa, si attestano invece al 13% nelle intenzioni di voto degli ungheresi, gli estremisti di destra di Jobbik.

Analista politico, Gábor Török:

“SE non avessimo paura parleremo chiaramente di elezioni e atmosfera da guerra fredda. Non si usano le armi, ma avolte le parole sono molto più pericolose”.

Viktor Orban è premier dal 2010.

Alla fine degli anni Novanta, nella sua precedente esperienza di governo, Viktor Orban aveva cercato di mettere in pratica idee innovative volte ad abbattere la disoccupazione e a migliorare l’economia ungherese.
Euroscettico, oggi Orban è malvisto dall’Unione europea: in questo mandato ha introdotto riforme illiberali che toccano vari settori della vita del Paese, da quella politica, a quella sociale ed economica, fino a limitare le stesse libertà civili.