ULTIM'ORA
This content is not available in your region

"Fine della ricreazione". Bangui fa il muso duro ai violenti

"Fine della ricreazione". Bangui fa il muso duro ai violenti
Dimensioni di testo Aa Aa

In Repubblica Centrafricana è “finita la ricreazione”.

A suonare la campanella, con un annuncio fra trionfalismo e altolà, è il presidente ad-interim Alexandre-Ferdinand Nguendet, che – fresco di nomina – già promette la cessazione delle violenze entro una settimana.

Prime e sporadiche scene di riconciliazione tra milizie contrarie e fedeli all’ex presidente Djotodia si sono già registrate in alcune zone della capitale Bangui.

Sempre qui, centinaia di soldati regolari che, insieme a numerosi agenti di polizia, avevano disertato per paura di rappresaglie, hanno nelle ultime ore reintegrato le caserme.

Nguendet ha assicurato che gli agenti, assenti dalla capitale da settimane, torneranno a garantirne la sicurezza entro i prossimi tre giorni.

Un’impennata delle violenze nel weekend aveva poco prima indotto a proseguire alle evacuazioni da Bangui. Almeno 13 le vittime contate dalla Croce Rossa soltanto da venerdì, il giorno in cui il presidente Djotodia aveva annunciato le dimissioni.

++++++++++++++++

Fine della ricreazione in Repubblica Centrafricana. Il presidente ad interim suona la campanella: “fine delle violenze entro una settimana”

(2) In Repubblica Centrafricana è “finita la ricreazione”. A suonare la campanella, con un annuncio fra trionfalismo e altolà, è il presidente ad-interim Alexandre-Ferdinand Nguendet, che – fresco di nomina – già promette la cessazione delle violenze entro una settimana. (10/11)

(15) Prime e sporadiche scene di riconciliazione tra milizie contrarie e fedeli all’ex presidente Djotodia si sono già registrate in alcune zone della capitale Bangui. Sempre qui, centinaia di soldati regolari che, insieme a numerosi agenti di polizia, avevano disertato per paura di rappresaglie, hanno nelle ultime ore reintegrato le caserme. (20/21)

(36) Nguendet ha assicurato che gli agenti, assenti dalla capitale da settimane, torneranno a garantirne la sicurezza entro i prossimi tre giorni. (8/8)

(44) Un’impennata delle violenze nel weekend aveva poco prima indotto a proseguire alle evacuazioni da Bangui. Almeno 13 le vittime contate dalla Croce Rossa soltanto da venerdì, il giorno in cui il presidente Djotodia aveva annunciato le dimissioni. (56-58)