ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Si moltiplicano le vittime delle valanghe sulle cime alpine

Si moltiplicano le vittime delle valanghe sulle cime alpine
Dimensioni di testo Aa Aa

Le abbondanti nevicate degli ultimi giorni e i famigerati fuori pista hanno provocato almeno 6 morti nelle ultime 48 ore.

Un ventiquattrenne francese originario di Annecy è stato travolto da una valanga mentre sciava su una pista chiusa vicino a Bardonecchia. I soccorritori hanno cercato di rianimarlo per un’ora e mezza, ma il giovane è deceduto in ospedale per traumi multipli, asfissia e ipotermia.

Un guardiano del rifugio Gran Plan è morto a Couchevel, nell’Alta Savoia. Stava risalendo la montagna con il figlio rimasto indenne quando è stato investito dalla neve. Il figlio è rimasto indenne.
Un giovane sciatore è morto all’opedale di Grenoble dopo essere stato sorpreso da una slavina a Serre Chevalier, un’altra vittima a La Plagne, in Francia. Aveva 18 anni.

Anche la Svizzera conta i morti: uno a Saint Moritz, un altro nel cantone Uri. Qui le ricerche di un 27enne irlandese sono state interrotte venerdì a causa delle cattive condizioni del tempo.

Gli esperti ribadiscono che il rischio valanghe permane.