ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Nuova ondata di violenza nella Repubblica Centrafricana

Nuova ondata di violenza nella Repubblica Centrafricana
Dimensioni di testo Aa Aa

L’esercito francese concentra le forze a Bangui, nel tentativo di arginare la violenza interreligiosa riesplosa nella capitale della Repubblica Centrafricana.

A Bruxelles la Francia ha ottenuto un timido impegno da parte dei partner europei a sostegno della missione nella sua ex colonia, dove negli ultimi giorni si registrano altre decine di morti.

“Il problema principale al momento è la violenza – spiega Manuel Fontaine, Direttore regionale per l’Africa centrale e occidentale dell’UNICEF -. Le persone hanno bisogno di protezione. Le comunità hanno bisogno di potere interagire, capire e cercare di calmarsi e non di certo di risolvere i problemi con la violenza. Nel frattempo è ovvio che noi dobbiamo continuare il nostro lavoro di organizzazione umanitaria e distribuire l’acqua, le coperte e il cibo per permettere alla popolazione di potere sopravvivere con dignità ovunque, nelle migliori condizioni possibili”.

L’Unione europea prenderà una decisione a gennaio su un’eventuale operazione congiunta con lo scopo di fermare le violente tra cristiani e musulmani esplose in seguito al colpo di stato dello scorso marzo.