ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Siria, freddo polare aggrava le condizioni dei rifugiati

Siria, freddo polare aggrava le condizioni dei rifugiati
Dimensioni di testo Aa Aa

Si aggravano le condizioni dei rifugiati siriani dentro e fuori i confini del paese, da quando l’intera regione è spazzata da una tempesta di neve che ha fatto precipitare la temperatura.

L’Alto commissariato dell’Onu per i rifugiati ha distribuito materiale per rinforzare le tende, coperte e stufe per 120mila persone sistemate nei campi della Valle della Bekaa, in Libano. Aiuti che restano insufficenti, come fa notare Jined al Hussein:

“La pioggia e il freddo ci hanno tolto ogni cosa. Non abbiamo quasi niente per sfamarci e io sono qui soltanto da una settimana”.

Abdel Karim Ali Ibrahim viene da Aleppo con i suoi figli: “le tende non sopportano il peso della neve e lasciano entrare l’acqua – dice – stavamo quasi meglio sotto i bombardamenti”.

Ma se per i rifugiati in Libano, Turchia e Giordania la situazione appare drammatica, non va meglio a chi è ancora in Siria e deve affrontare, oltre alle violenze, le stesse temperature polari. L’opposizione siriana denuncia la morte di due bambini ad Aleppo e a Homs a causa del freddo e invoca l’aiuto delle organizzazioni internazionali.