ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Mandela, il ricordo di parenti e amici

Lettura in corso:

Mandela, il ricordo di parenti e amici

Mandela, il ricordo di parenti e amici
Dimensioni di testo Aa Aa

“La sua grandezza di leader giungeva dalla sua umiltà”, così l’amico e compagno di prigionia a Robben Island, Andrew Mlangeni ha ricordato Nelson mandela, nel tributo al Soccer City Stadium di Johannesburg, ed ha aggiunto visibilmente commosso: “Siamo stati giudicati colpevoli, e condannati all’ergastolo a Robben Island. Anche in prigione Madiba è riuscito far emergere la sua leadership coinvolgendo gli altri. Ha dato speranza quando non c’era, è riuscito a infondere ottimismo, dove c’era la disperazione. Madiba ci sta guardando dal cielo, e di certo sorride nel vedere i suoi connazionali uomini e donne uniti nel suo ricordo”.

“Siamo sempre stati consapevoli di
dover ‘condividere’ Madiba con il Sudafrica, l’Africa e il mondo intero”. Lo ha detto il Thanduxolo Mandela, portavoce
della famiglia. I nipoti gli hanno dedicato una ode a tre voci, Andile Mandela, 20 anni: “L’albero gigante è caduto, tremante … le sue foglie splendenti rieccheggiano milioni di messaggi di pace amore e riconciliazione. Continuiamo a percorrere le sue orme?”.

Mbuso Mandela, 22 anni: “Ci hai immaginati come degli alberi che insieme sfidano i venti, l’albero isolato cade se scosso dal vento. Figlio del Paese, figlio del sogno di un futuro dove bianchi e neri, ricchi e poveri, uomini, donne, bambini insieme sognano la stessa cosa”.

Phumla Mandela, 20 anni: “Sei nei nostri ricordi, hai attraversato il mondo come una cometa, lasciando sentieri di luce da percorrere”.