ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Cina: si aggrava il bilancio dell'esplosione dell'oleodotto di Qingdao

Cina: si aggrava il bilancio dell'esplosione dell'oleodotto di Qingdao
Dimensioni di testo Aa Aa

Si aggrava il bilancio dell’esplosione di un oleodotto sotterraneo in Cina. Le vittime sarebbero almeno 35, 166 i feriti. L’incidente è avvenuto mentre diversi operai stavano tentando di riparare una falla prodottasi nelle tubazioni di proprietà della Sinopec, la maggior compagnia petrolifera cinese, da cui fuoriusciva il greggio.

La detonazione è avvenuta nel porto della città di Qingdao, nella provincia orientale di Shandong, per cause che restano ancora da chiarire. I vigili del fuoco hanno dovuto lavorare per ore per spegnere le fiamme nella zona portuale rimasta bloccata. A Qingdao c‘è uno dei principali terminal d’importazione di greggio del Paese che rifornisce due delle più importanti raffinerie di Sinopec.

In Cina gli incidenti industriali sono piuttosto frequenti soprattutto a causa della mancanza di rispetto delle più elementari norme di sicurezza. Secondo dati ufficiali, soltanto nei primi sei mesi del 2013, le vittime di incidenti sul lavoro sono state 28.000.

Euronews non è più disponibile su Internet Explorer. Questo browser non è aggiornato da parte di Microsoft e non supporta le ultime novità. Ti suggeriamo di usare un altro browser come Edge, Safari, Google Chrome o Mozilla Firefox.