ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Eurozona, la Commissione rivede le stime di crescita per il 2014

Eurozona, la Commissione rivede le stime di crescita per il 2014
Dimensioni di testo Aa Aa

È tempo di previsioni d’autunno alla Commissione europea e, insieme alle foglie, cadono anche le stime sui tassi di crescita.

Nonostante l’uscita dalla recessione ufficializzata nel periodo aprile-giugno, Bruxelles ha ritenuto troppo ottimistiche le prospettive per l’anno prossimo annunciate questa primavera.

In particolare per quanto riguarda consumi interni e investimenti, con il risultato che l’espansione del Pil per il 2014 è stata rivista all’1,1%.

Il rimbalzo però è cominciato, afferma il rapporto, che ha mantenuto ferme le previsioni per quest’anno e per il 2015.

“In Europa, in generale, la crescita è tornata positiva nel secondo trimestre di quest’anno”, ha spiegato il commissario agli Affari economici e monetari Olli Rehn. “Ma il continuo e necessario processo di aggiustamento dei conti continuerà ancora a pesare sulla crescita per un certo periodo”.

Diverso il discorso per l’Italia. La Commissione ha appesantito la contrazione prevista per quest’anno al -1,8%, ma anche confermato la ripresa nel 2014 con un’espansione dello 0,7% del Pil.

Nel 2013 il rapporto deficit-Pil è fissato al 3%, al limite dei parametri. Ma solo se saranno implementate le misure contenute nella legge di stabilità.