ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

UE, sospetti sulla futura alleanza di estrema destra lanciata da Marine Le Pen

Lettura in corso:

UE, sospetti sulla futura alleanza di estrema destra lanciata da Marine Le Pen

UE, sospetti sulla futura alleanza di estrema destra lanciata da Marine Le Pen
Dimensioni di testo Aa Aa

Una nuova alleanza di estrema destra europea. Il progetto, presentato a Strasburgo, vede uniti Fronte Nazionale francese, Fpö austriaco, e partito belga Vlaams Belang, in vista delle prossime elezioni europee.

Al centro della loro agenda politica: crisi economica, immigrazione, e disoccupazione. A livello nazionale, dalla Germania alla Grecia, questi gruppi di estrema destra sono in costante aumento di popolarità e consensi, mentre la loro rappresentanza nelle istituzioni, a partire dal Parlamento europeo, è piuttosto bassa. Rimedio: “Unirsi per farsi sentire.”

Per il Presidente del Fronte Nazionale francese, Marine Le Pen, che ha sempre detto che il suo non è un partito nè di destra nè di sinistra, il messaggio è chiaro: “ Il punto centrale è che il senso della storia gira attorno al ritorno delle nazioni, al ritorno del senso di patria. L’impero europeo come è stato costruito è un impero antidemocratico e i suoi risultati economici e sociali sono, di consenguenza, molto deboli. I nostri paesi hanno fatto molto meglio in passato, e saranno in grado di fare anche meglio in futuro, solo lavorando fianco a fianco, ma liberamente. Bisogna restituire agli stati la loro sovranità, vale a dire la libertà di decidere del proprio destino come credono”.

Con un consenso sempre più ampio, Marine Le Pen vanta amicizie politiche con la Lega Nord, i Democratici Svedesi e il Partito della Libertà olandese.

Questa nuova formazione, che ora spaventa i partiti tradizionali, è davvero credibile? Certamente concordano su molte questioni che riguardano tutti noi europei. Puntano il dito contro l’immigrazione e l’Europa, fonti di molti guai. Sono partiti nazionalisti che mettono, davanti a tutto, la difesa del proprio paese. Punti in comune ma anche divergenze. Perchè ognuno cerca, alla fine, di difendere i propri interessi.

Una cosa è certa, questi partiti ottengono consensi e voti. E questo è un punto a loro favore. Nei loro parlamenti hanno un buon numero di rappresentanti, ma sono pochi invece gli eletti a livello europeo tra gli 800 deputati

Per formare un gruppo politico, ci vogliono 25 deputati eletti in almeno un quarto degli Stati membri dell’Unione Europea. Loro ci riusciranno? Matematicamente è anche possibile, anche questa nuova formazione, dovrà, prima, superare molte divergenze ideologiche interne.